La cooperazione sociale: dinamica economica ed occupazionale tra il 2008 ed il 2013

Aree di ricerca: Misurazione e Impatto
Categorie pubblicazione: Rapporti di ricerca, Rapporto Italia, Edizione 2015
Tags: statistiche, cooperative, economia sociale, lavoro, rapporto Italia

Sin dalla loro introduzione nell’ordinamento giuridico italiano (legge 81/1991), le cooperative sociali hanno conosciuto un forte sviluppo, trainato soprattutto dalla crescita della domanda di servizi sociali, educativi e di inserimento lavorativo.
Secondo i dati dell’Istituto Nazionale di Statistica, il numero delle cooperative sociali è passato da 5.674 nel 2001 a 7.363 nel 2005 (ISTAT, 2008), a 11.264 nel 2011 (Centro Studi Legacoop, 2013) fino a 13.041 nel 2013 (dati INPS utilizzati in questo capitolo). Analisi recenti (Carini et al., 2013; Carini e Carpita, 2013) hanno inoltre dimostrato che, anche nei primi anni della crisi, le cooperative sociali hanno provato una buona dinamicità, superiore a quella degli altri settori cooperativi, registrando un aumento, tra il 2008 ed il 2011, sia del livello di attività complessivo che del numero di occupati.
Partendo da queste premesse, il presente capitolo intende estendere il periodo d’osservazione, così da fornire un quadro della dinamica economico-patrimoniale ed occupazionale delle cooperative sociali dall’inizio della crisi economica fino al 2013, ultimo anno – al momento dell’analisi – per il quale si dispone dei dati necessari per l’analisi.

Il presente documento fa parte del Terzo rapporto Euricse | 2015 “Economia cooperativa. Rilevanza, evoluzione e nuove frontiere della cooperazione italiana“.

x