Imprese Sociali e inserimento lavorativo

14 Dicembre 2022
E’ stato pubblicato il “Rapporto sui bisogni in termini di competenze (digitali) degli utenti  nelle WISE”. Il documento è il risultato del lavoro di ricerca condotto durante il WP2 coordinato, per conto del partenariato B-WISE, dal Consorzio Nazionale Idee in Rete, uno dei partner italiani del progetto, sotto la guida di Camilla Baldini e Gianfranco Marocchi, responsabili del lavoro di ricerca e dei contenuti presentati. Il rapporto punta a creare un collegamento tra il rapporto del WP1 “Report on current situation of skills gaps, especially in the digital area, in WISEs sector and anticipating future needs“, pubblicato ad ottobre, ed il lavoro previsto nel WP3 per la progettazione di curricula VET che soddisfino i gap di competenze, di prossima pubblicazione.
IL PROGETTO

Le imprese sociali europee di inserimento lavorativo (WISE) sono al centro del progetto B-WISE, che ha l’obiettivo di sviluppare strategie per affrontare i bisogni di competenze nel settore. Scelta metodologica, che ha previsto, durante la ricerca, il coinvolgimento diretto e la partecipazione dell’intero partenariato che ha contribuito attivamente al lavoro presentato.

La ricerca si è sviluppata a partire dal presupposto che l’obiettivo del potenziamento delle capacità non può essere adeguatamente realizzato se non si è in grado di comprendere che le WISE europei, pur avendo alcuni tratti unificanti, sono diverse tra loro per obiettivi, stili operativi, organizzazione, dimensioni, orientamento imprenditoriale, ecc; e che le persone che lavorano nelle WISE, lavoratori con necessità di supporto, formatori/job coach e manager, sono diverse in termini di livelli di competenze di partenza, storie di vita, investimenti nell’apprendimento, ecc.

Da ciò consegue che, per essere efficace, la definizione di una strategia di potenziamento delle capacità deve essere progettata con riferimento ai diversi tipi di WISE e alle diverse tipologie di persone che vi lavorano. In altre parole, si è prestata attenzione alla creazione di “Scenari” (i diversi tipi di WISE) e “Personas” (i diversi tipi di lavoratori con necessità di supporto, formatori/job coach e manager), in modo da garantire che la formazione e l’apprendimento rispondano alle diverse esigenze in termini di competenze.

Il rapporto cerca infatti di rispondere a due domande principali:

  • Di quali azioni per il rafforzamento delle competenze hanno bisogno le  imprese sociali di inserimento lavorativo in base alle loro caratteristiche, al loro sviluppo, alla loro cultura aziendale e ai loro punti di forza e di debolezza?
  • Quali sono le caratteristiche dei lavoratori (manager, formatori/job coach, lavoratori con necessità di supporto) ai quali vorremmo proporre percorsi di rafforzamento delle competenze?

In base a queste domande, i rapporti elaborano due tipi di risposte, innanzitutto gli “scenari” per le WISE che offrono una descrizione generale del modello adottato, basato sui tre principali tipi di WISE (sociali, formative e produttive). Propone inoltre alcune “Personas” che sono una sintesi della classificazione fatta a livello nazionale, suddivise nelle tre categorie di lavoratori con necessità di supporto, manager e formatori/job coach. Il rapporto comprende un capitolo che riassume le indicazioni a livello nazionale e si conclude con alcune indicazioni politiche generali e una guida specifica per lo sviluppo del WP3 in termini di percorsi di costruzione delle competenze.

I partner del progetto stanno ora lavorando, sulla base di questo rapporto, sui curricula e sui percorsi formativi per le tre categorie di lavoratori WISE.

 

x